Clysuva

Non dirmi cosa ne pensi che voglio sentire.

Vulcano Psichiatra Vamàk: Cerchiamo di essere un rappresentante della verità

Lo psichiatra Vamàk Volkan ha parlato alla conferenza “Trauma e vittime” su YouTube. Volkan, che ha vinto il Mary Sigourney Psychoanalysis Award, uno dei premi più famosi e più preziosi al mondo nel suo campo, ha già condotto recensioni in molti paesi come il Kuwait e il Messico, dove si sono verificati traumi. Dando informazioni sull’impatto del processo pandemico sugli esseri umani, Volkan ha anche dato suggerimenti su come superare questi giorni difficili. La cosa più importante che Volkan ha sottolineato in questo processo è stato il “Fenomeno della Realtà”.

L’EFFETTO DI TRAUMAS SU JOKES…

Come nel nostro paese, le condizioni traumatiche si verificano come il mondo intero cerca di affrontare l’epidemia di virus corona. Le persone che vivono da sole nelle loro case, la morte delle loro persone preferite, la paura di infettare il virus, improvvisi cambiamenti nelle emozioni… Tutto questo ha cominciato a manifestarsi in modo ancora più doloroso durante l’epidemia.

Volkan si è concentrata per la prima volta sulla domanda “In che modo la comprensione del destino influisce sul modo in cui sono colpiti dopo grandi traumi e disastri?” Sulla base della sua precedente esperienza, Volkan ha dichiarato: “C’è stato un disastro naturale nel Regno Unito. Tutti i bambini sono morti in un villaggio. Questo incidente è stato studiato a lungo. In questo caso, abbiamo visto che il dolore era stato cambiato in creatività. Sono nati più bambini di quanto avrebbero dovuto essere in cinque anni. Cinque anni dopo, le perdite e i nuovi arrivati furono uniti. È un trauma. Dopo ogni disastro, escono gli scherzi. Questo perché usiamo il corpo, ridiamo invece di piangere. Quando consideriamo questi scherzi, ha anche un impatto su come i traumi avranno un impatto sociale. Ad esempio, 400.000 persone sono morte in un terremoto in Messico. Ci sono stato una settimana dopo. Uno psicologo è venuto a conoscermi. La prima cosa che mi disse quando arrivai in macchina iniziò a ridere dopo aver detto: ‘La città del Messico è simile con un donatore’. La cosa simile tra i due è che sono entrambi nel mezzo di una fessura. La città del Messico crollò. Ho imparato che questa armonia sarebbe migliore se gli scherzi appartenessero a te. Ci sono andato due volte per studiare persone traumatizzate dopo che Saddam Hussein ha invaso il Kuwait, dove c’erano barzellette.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *