Clysuva

Non dirmi cosa ne pensi che voglio sentire.

La carenza di vitamina D aumenta il rischio di morte coronadena

Un nuovo studio negli Stati Uniti ha scoperto che la carenza di vitamina D può collegare i tassi di mortalità elevata del nuovo tipo di virus corona.

Lo studio, condotto da un gruppo di ricercatori della Northwestern University in Illinois, ha scoperto che i livelli di vitamina D erano più bassi nei casi di morte in paesi come l’Italia, la Spagna e il Regno Unito, dove sono stati osservati decessi corali elevati rispetto ai casi in altri paesi.

“La nostra analisi mostra che sebbene la vitamina D non impedisca la cattura di kovid-19, i tassi di mortalità dei pazienti adeguati saranno la metà più bassi e potrebbero ridurre le complicazioni”, ha detto il rapporto, come ha detto il capo del gruppo di ricerca Vadim Backman.

“PUÒ ESSERE UTILIZZATO COME TRATTAMENTO AGGIUNTIVO”

Per le persone più vulnerabili e pazienti più anziani, completamento della vitamina D può essere utilizzato come trattamenti aggiuntivi per ora, Backman ha detto.

Tuttavia, la relazione ha sottolineato che è prematuro dirigere tutte le persone contro il virus per prendere la vitamina D, che gli effetti collaterali possono essere trovati se la vitamina non viene presa alla dose corretta, e che la ricerca dovrebbe essere approfondita per i risultati finali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *