Clysuva

Non dirmi cosa ne pensi che voglio sentire.

Gli scienziati hanno spiegato: Paesi che diventeranno invivibili

Scienziati americani e britannici hanno rilasciato una mappa interattiva del mondo, elaborando massime combinazioni di calore e umidità che riflettono meglio il peso climatico del corpo umano rispetto alla temperatura media dell’aria per ogni regione.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Science Advances e citato da Sputnik, ha scoperto che ci sono luoghi in cui non è già possibile vivere nel mondo.

MOIST CALDO PIÙ EFFETTIVO

Il corpo è noto per essere più colpito dal calore mescolato con l’umidità rispetto al calore secco. Molte pubblicazioni scientifiche sul cambiamento climatico globale dicono che combinazioni mortali di calore e umidità elevate che trascendono i limiti fisiologici della vita umana renderanno presto impossibile vivere in alcune regioni tropicali e subtropicali del mondo.

Gli scienziati del World Institute della Columbia University negli Stati Uniti e della Loughborough University nel Regno Unito hanno deciso di chiarire quanto sia vicina l’umanità a questo confine, il che potrebbe portare alla migrazione di massa da aree sfavorevoli e al crollo delle economie del paese.

7 BIN 877 DATI ANALISI

Analizzando i dati raccolti da un totale di 7.877 stazioni meteorologiche in diverse parti del mondo nel 1979-2017, gli esperti si sono concentrati sui dati puntuali basati su orari, che consentono di rilevare picchi a breve termine di valori estremi, non i valori medi giornalieri di temperatura e umidità per le grandi regioni.
I ricercatori hanno già scoperto che in molte parti del mondo, i parametri climatici superano periodicamente i limiti della vita umana.
Colin Raymond, una delle figure principali dello studio, ha detto: “I ricercatori precedenti avevano previsto che questo sarebbe accaduto decenni dopo, e abbiamo dimostrato che questo è qualcosa che sta accadendo ora,”Ha detto Colin Raymond, una delle figure di spicco dello studio.

ASIA, AFRICA E AMERICA…

Ci sono migliaia di tali punti in Asia, Africa, Australia, Sud e Nord America. In particolare, sulle coste dei golfi di Bassora e messicani e sulla costa dell’Oceano Indiano, ci sono molti luoghi in cui l’aria calda assorbe l’acqua di mare evaporata e genera molta umidità. In alcune zone lontane dalla costa, i venti monsonici umidi svolgono un ruolo simile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *